Niner RIP 9 RDO

Dopo aver presentato la Air 9 Rdo a Riva del Garda, prosegue il rinnovamento del catalogo della casa americana con la presentazione di altri due nuovi modelli: Niner Rip 9 Rdo e Niner Jet 9 Rdo 2017.
Iniziamo dalla più vitaminizzata delle due, ovvero la Rip 9 Rdo che passa da 125 mm di corsa posteriore a 150 mm.

L’enduro secondo Niner
La Niner Rip 9 è la bici che tutti gli appassionati nel marchio del Colorado stavano aspettando. La disciplina dell’enduro è evoluta tantissimo nel corso degli ultimi anni e rivedremo sempre più spesso il diametro ruota di 29” sulle bici 2017.

RIP9RDO_Studio_8_large

In Italia l’enduro ha dei connotati fortemente agonistici, mentre in America le cose stanno un po’ diversamente ed è per questo che la nuova Niner Rip 9 Rdo introduce, oltre a una geometria molto moderna, una novità che segna un momento storico per Niner: la compatibilità con ruote dal diametro non più solo da 29”.
La Rip 9 Rdo, infatti, avrà la doppia compatibilità con ruote 29” e ruote 650b Plus (foto in basso con ruote Plus) che, anche se sulla carta hanno diametri paragonabili, nella realtà trasformano in modo sensibile il carattere della bici.

RIP9RDO_Action_3_large

Per quanto riguarda la sospensione posteriore il travel è di 150 mm e il disegno è il Cva (Constantly Varying Arc) di Niner affinato per abbinarsi a un triangolo anteriore molto diverso rispetto a quello della precedente Rip 9.

RIP9RDO_Studio_2_large

Da segnalare la costruzione del carro, sempre monolitico, con elementi di dimensioni maggiorate.
Lo stesso dicasi per i cuscinetti dei pivot, come si può intuire anche dall’immagine in basso.

RIP9RDO_Studio_7_largeRIP9RDO_Studio_6_large

Il reach è stato aumentato, ovvero il tubo superiore è più lungo e arriva a 59,2 cm nella taglia M.
Il carro è stato accorciato, grazie anche all’adozione dello standard Boost, fino a 43,9 cm.
Gli angoli della bici svelano un carattere molto svelto e aggressivo: l’angolo di sterzo, con forcella da 160 mm di corsa, è sceso a 67° che diventano 66,5° con una forcella da 170 mm (prevista come opzione dal costruttore); l’angolo del tubo piantone, invece, è di 75,5° con forcella da 160 mm e di 75° con forcella da 170 mm.

RIP9RDO_Studio_3_large

Angolo di sterzo e angolo piantone, quindi, consentono, sulla carta, una posizione in sella molto centrale durante la pedalata, a tutto vantaggio della rapidità di guida.
Niner ha riposto molta attenzione anche sulla lunghezza del tubo di sterzo che varia fra 95 e 125 mm per le taglie S e Xl: la sua compattezza permette di avere un manubrio abbastanza alto (parliamo di una 29” con forcella da almeno 160 mm), ma ancora bilanciato rispetto all’altezza della sella.
Niner ha previsto 4 taglie per la Rip 9 Rdo, dalla S alla XL.

RIP9RDO_Studio_4_large RIP9RDO_Studio_6_large

Per quanto concerne la sospensione posteriore, Niner ha adottato un ammortizzatore Fox Float X Dps Factory su tutti i modelli e questo aumenta in modo netto l’efficienza della sospensione posteriore durante la pedalata.
Nelle intenzioni del produttore, la Niner Rip 9 Rdo è una bici per osare di più in discesa e per lunghe uscite in montagna, dove la leggerezza è un fattore cruciale.
Il telaio infatti è realizzato in fibra di carbonio costruito con la tecnica Rdo Carbon Compaction.

RIP9RDO_Studio_13_large

Le caratteristiche e gli standard della Rip 9 Rdo
Il telaio della Niner Rip 9 Rdo è stato studiato per essere allestito come un vero telaio da enduro-all mountain e presenta le seguenti specifiche tecniche:

– movimento centrale Bsa con scatola da 73 mm di larghezza
– diametro reggisella da 30,9 mm (raccomandato da 400 mm di lunghezza)
– attacco Iscg05
– predisposizione per reggisella telescopico con passaggio interno o esterno del cavo
– serie sterzo zero-stack inclusa (44 mm upper, 56 mm lower)
– passaggio cavi predisposto per sistemi Shimano Di2
– sede nel telaio per la batteria di sistemi Shimano Di2
– battuta posteriore Boost (148×12)
– compatibilità telaio con gomme fino a 29×2,5” e 27,5×3,0” (a seconda della gomma)
– protezioni in titanio contro lo sfregamento della catena
– attacco portaborraccia all’interno del triangolo anteriore per tutte le taglie
– solo per trasmissioni 1x
– dimensione massima della corona Boost: 36 denti
– peso telaio: 2,45 Kg in taglia M con ammortizzatore e senza asse passante
– prezzo kit telaio: 3499€
– garanzia: 5 anni sul telaio

Per il mercato italiano sono previsti 2 allestimenti completi per la Rip 9 Rdo oltre a moduli composti da telaio+forcella+ruote.
Nella versione 650b Plus le ruote saranno le Kuroshiro Enso747 dal peso di 1418 gr la coppia.
La disponibilità nei negozi è prevista verso il mese di dicembre.